LA PAGINA TRENTINA

Blog di informazione indipendente dal Trentino – Alto Adige

La politica dello struzzo: la Valdastico e il Trentino

image

Si accende sempre piú il dibattito sul prolungamento dell’autostrada A31 fino al congiungimento con l’autostrada del Brennero A22 tra Rovereto e Trento Sud.

Da un lato il Veneto la reputa un opera indispensabile mentre l’autonomia trentina la reputa un opera inutile considerando la Statale della Valsugana sufficente per i collegamenti tra Trento e la zona vicentina – trevigiana – padovana.

Chiunque percorre abitalmente la Valsugana sà benissimo che questo non é assolutamente vero, la statale é un arteria spesso satura di traffico merci e, soprattutto nei tratti a corsia singola, il traffico é spesso rallentato.

Un altra leva dei detrattori dell’opera é l’ipotetica invasione dell’artigianato veneto nel mercato trentino.

Allora perché non chiudere l’autostrada del Brennero ad Ala e mettere una dogana a Salorno ?! Perché la giunta Rossi non impone dazi doganali alle merci in arrivo dall’Alto Adige e dal resto d’Italia?

Perché ragionare da perdenti e non da vincenti? Perché non valutare l’opera in questione come un opportunità economica per gli artigiani trentini di espandersi in Veneto invece di temere il contrario?

Qualche talebano dell’ambientalismo nostrano ipotizza un grave danno ambientale causato dalla Valdastico…

Andate a spiegarlo a quelle famiglie affummicate dallo smog sull’asta della Valsugana, andate a fare quattro chiacchere con i residenti assordati dal rumore dei mezzi pesanti che transitano 24 ore al giorno sotto le loro finestre…

La Valdastico avrà anche qualche difetto ma porterebbe dei vantaggi enormi al Trentino: in una regione che vive di turismo aprire un corridoio rapido con la zona settentrionale adriatica non puó che accrescere il flusso turistico.

Anche l’agricoltura trentina, altro settore basilare per il PIL della Provincia, gioverebbe del ridotto tempo di transito verso le ricche provincie del Nord-Est.

Ma forse la Provincia ha altre priorità, per esempio il basilare (?!?) prolungamento della Ferrovia Trento – Malé fino a Mattarello, 5 km che costeranno oltre 100 milioni di euro, soldi spesi benissimo…
dr

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 agosto 2014 da in ambiente, Italia, politica, Trentino con tag , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: